In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Carovita, Esposito (Sicet Cisl): “Famiglie sempre più in sofferenza, prossimo Governo intervenga rapidamente”

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_condominio-pexels-florencia-potter-324629.jpg

“Il prossimo Governo metta in cima alla lista delle priorità la condizione delle famiglie in affitto poiché senza interventi compensativi il caro energia rischia di deflagrare”. È quanto sostiene il segretario generale del Sicet Cisl Fabrizio Esposito che sollecita misure urgenti per evitare un’escalation delle morosità. “Le notizie che ci arrivano dai territori, come conferma anche il recente rapporto della Caritas, parlano di famiglie allo stremo che non riescono più a sostenere le spese per affitto e bollette. In una recente audizione al ministero del Lavoro l’Istat ha confermato che circa 2 milioni e 500 mila famiglie, quasi una su dieci, spende per l’abitazione, tra bollette, affitto, spese condominiali e mutuo, una quota uguale o superiore al 40 per cento del reddito disponibile”. 

Un sovraccarico che secondo il segretario del Sicet Cisl “è destinato a crescere nelle prossime settimane con effetti allarmanti sulla tenuta sociale del paese se non si interverrà per calmierare i prezzi energetici e dei beni di prima necessità”. Una situazione, avverte il sindacato inquilini della Cisl, che riguarda anche il settore delle case popolari dove il rincaro dei prezzi energetici sta facendo lievitare le spese condominiali: “Parliamo di un onere non parametrato al reddito che cresce al crescere dei costi energetici, questo significa che nel giro di poco tempo si moltiplicheranno i casi di morosità anche delle spese condominiali”, avverte Esposito.

“In campagna elettorale - ricorda il segretario del Sicet - le associazioni degli inquilini hanno fatto proposte chiare, puntuali e sostenibili a tutti i partiti per affrontare l’emergenza abitativa. Ora si tratta di tradurle in provvedimenti agendo in prima istanza sulla ripresa generalizzata delle esecuzioni degli sfratti per morosità incolpevole e delle esecuzioni immobiliari sulla prima casa e sui pesanti rincari delle utenze domestiche e degli oneri condominiali che stanno taglieggiando il potere di acquisto delle famiglie più fragili e che rischiano di alimentare una pericolosa spirale della morosità. In vista della legge di bilancio andranno inoltre incrementate le risorse per il sostegno alle famiglie in affitto poiché i 10 milioni previsti per il 2023 e il 2024, alla luce della situazione attuale, sono del tutto insufficienti ad affrontare l’emergenza”, conclude il segretario del Sicet Cisl. 

Foto di Florencia Potter

DOCUMENTAZIONE

CALENDARIO RISCALDAMENTO 2022/2023

Per l'inverno 2022/2023 è in vigore il calendario come definito dal Decreto Ministeriale 383 del 6-10-22

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.