In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Taranto-Brindisi, Cisl e Sicet: politiche abitative e lotta alla povertà decisive per la coesione sociale

La mole di notizie che danno conto di eventi drammatici,persino dal punto di vista umano, rende il rischio di assuefazione così vero che, se non criticamenterimosso, è la stessa coesione sociale a porsi in discussione, come se iproblemi dovessero sempre coinvolgere gli altri e mai riflettersi su noi stessi in quanto persone e/ocomunitàDi  recente, ad esempio, militari dell’Arma sono riusciti ad afferrare letteralmente un cittadino di Taranto, 49 anni,poco prima che questi si lanciasse nel vuoto dal terrazzo della palazzina di due piani come gesto di disperazione,per uno sfratto esecutivo ed il conseguente intervento dell’ufficiale giudiziario. Ai Carabinieri l’uomoha prima gridato tutta la sua angoscia, esasperata al punto da convincerlo al suicidio;poi si èsciolto in lacrime ed è stato salvato dall’estremo gesto, con la promessa del rinvio delle operazioni di sfratto e della ricerca di una nuova sistemazione abitativa. 

“Detto che tra pandemia, inflazione, prezzi al consumoalle stelle causaspeculazione,alti costi dell’energia ed altri riflessi economici della guerra in Ucraina, le famiglie italiane faticano sempre più a sostenere anche il livello degli affitti, stando ai recentissimi dati Istat la povertà assolutarisulta più diffusa appunto tra chi vive in affitto, nel Mezzogiorno con il 10%, al Nord con il 6,7%, al Centro con 5,6% mentre sono 1,4 milioni di minori in povertà assoluta, cioè il 14,2%” sostiene Gianfranco Solazzosegretario generale Cisl Taranto Brindisi. I dati Istat confermano, prosegue Solazzo, che in Italia ed in particolare nel Mezzogiorno il problema della casa e quello della povertà sono strettamente collegate, perciò urgono politiche abitative orientate al sostegno dei più bisognosi.

Massimo Caliandro, segretario generale territoriale Sicet Cislsottolinea:“Continueremo a sollecitare tutti i soggetti istituzionali, dal Governo alla Regione Puglia,dagli Enti Locali alle Arca,dagli Ambiti sociali territorialialle Prefetture, ad intervenire in materia di politiche abitative in quanto le stesse sono connaturate alle politiche socialima farlo in maniera strutturatae non solo congiunturale, senza cioè ridursi ad inseguire le emergenze bensì ricostruendo, ciascuno per le proprie competenze, una rete di protezione sociale che cominci colrendere i canoni di affitto socialmente sostenibili ed il valore dell’abitare effettivamente condiviso.

Per Cisl Sicet Cisl occorrerà, dunque,accelerare lo sblocco degli oltre 300 milioni stanziati per i sussidi agli inquilini, ancora fermi per la perdurante assenza del decreto di riparto di tali risorse alle Regioni, con chiaro riferimento ai 100 milioni del fondo sostegno affitti (Decreto Aiuti) e ai 230 milioni inseriti in Legge di bilancio 2022 alla voce interventi per ridurre il disagio abitativo. Le politiche abitative e la lotta alla povertà – concludono i segretari -sono decisive per la giustizia, la solidarietà, l’inclusione e la coesione sociale.

Ufficio stampa Cisl Taranto-Brindisi

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.