In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Sicet Marche, Angelini nuovo segretario generale

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_28f781b0-24f0-4538-89e1-80ee5a543d89.jpg

Antonio Angelini, già numero uno della Cisl ascolana, è il nuovo segretario generale del Sicet Cisl Marche. Angelini subentra a Claudio Omiccioli che lascia il testimone dopo 41 anni. L'elezione è avvenuta oggi ad Ancora nel corso del direttivo dell'associazione alla presenza del segretario generale nazionale Nino Falotico e del segretario generale della Cisl Marche, Sauro Rossi. "È una grande responsabilità politica e organizzativa perché con la crisi le politiche per la casa hanno assunto una valenza primaria". Queste le prime parole del neo segretario Angelini che ha aggiunto: "Con Regione, enti locali ed Erap ci misureremo su temi come l'edilizia popolare, il sostegno agli affitti e all'acquisto dell'abitazione".

Durante i lavori del parlamentino del Sicet marchigiano il leader nazionale Falotico ha evidenziato la corale partecipazione di tanti dirigenti, operatori e attivisti del Sicet alla manifestazione nazionale di Cgil Cisl Uil che si è tenuta il 9 febbraio a Roma. "Siamo scesi in piazza per testimoniare le ragioni delle fasce sociali più deboli e per rivendicare più risorse per le politiche abitative". Falotico ha ricordato che "con il reddito di cittadinanza sono stati introdotti contributi per l'affitto fino a 280 euro al mese per il mutuo fino a 150 euro al mese. Si tratta di una prima misura che serve a tamponare le situazioni di maggiori fragilità ma si lascia fuori la platea delle famiglie a basso reddito che non rientrano nella misura e che rischiano di essere abbandonate a se stesse".

Il segretario nazionale del Sicet ha perciò rilanciato la proposta di un tavolo permanente sul welfare abitativo. "I numeri parlano chiaro: abbiamo 650 mila famiglie in lista di attesa e un patrimonio abitativo pubblico che è meno di un quinto di quella della Francia. Per questo chiediamo al governo di affrontare con il concorso delle associazioni degli inquilini tre priorità: rifinanziamento del fondo affitti, sgravi fiscali per gli inquilini e nuovi investimenti in edilizia residenziale pubblica per aumentare l'offerta abitativa".

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646