In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Puglia, l'assessore Pisicchio convoca le parti sociali sulle politiche abitative

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_Paolo_Cicerone.jpg

La situazione abitativa nel nostro Paese è sempre più drammatica. I segmenti della popolazione più colpita sono soprattutto gli anziani, i più giovani e le famiglie numerose. Sicet-Cisl e Sunia-Cgil hanno rappresentato, al Ministro per le Infrastrutture, il quadro del disagio abitativo in Italia, evidenziando che il costo medio dei canoni sul reddito è pari al 39,8% e che nel 2017 gli sfratti in Italia sono stati circa 60 mila. “Nella sola Puglia – osserva il Segretario generale del Sicet Cisl regionale, Paolo Cicerone – gli sfratti sono aumentati del 15,21% rispetto al 2016, lasciando più di 12.300 famiglie alle prese con pesanti disagi abitativi, e l’88% di questi ha come causa la cosiddetta ‘morosità incolpevole’, cioè la mancanza di reddito disponibile delle famiglie pugliesi”. Una situazione, secondo il Sicet Cisl, che richiederebbe la massima e più totale attenzione da parte delle Istituzioni.

“Per questi motivi – aggiunge Cicerone – Sicet e Sunia, insieme a Cgil Cisl Uil regionali, esprimono soddisfazione per la convocazione inviata alle parti sociali dall’Assessore regionale al Territorio, Alfonso Pisicchio, per il prossimo 2 luglio, utile ad affrontare l’emergenza abitativa in Puglia e per fermare l’ondata di sfratti esecutivi delle famiglie morose che rischiano di mettere per strada interi nuclei familiari. Non dimentichiamo – conclude Cicerone – che proprio in questi giorni l’Istat ha certificato che a pagare il salato conto della crisi sono soprattutto i più giovani e gli anziani: poveri tanto da fare la fila alle mense della Caritas e da non potersi permettere una casa o rimanerne senza. Non è con il reddito di cittadinanza che si risolvono le emergenze abitative nel Mezzogiorno, ma con nuove prospettive di lavoro”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646