In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Puglia, alloggi universitari: per il Sicet posti letto insufficienti

b_400_267_16777215_00_images_people-2557396_1920.jpg

“Con l’inizio dell’anno accademico 2018 – 2019 anche stavolta si ripresenta per i circa 11 mila e 400 studenti fuori sede la caccia al posto letto pubblico. Solo a Bari l’Agenzia regionale per il diritto allo studio universitario (Adisu), che gestisce la disponibilità degli alloggi, può contare solo su 1.877 posti letto a fronte di 9.000 ragazzi fuori sede: quindi impossibilitata a soddisfare la domanda”. Si tratta del risultato delle ricerche dell’Osservatorio del Sicet Cisl Puglia sulla situazione che ogni anno si propone a chi deve decidere se frequentare atenei lontani dalla propria residenza.

“Il sindacato inquilini della Cisl – osserva il Segretario generale regionale, Paolo Cicerone – da troppo tempo sostiene la necessità di un Piano di edilizia universitaria per gli atenei di Bari, Foggia, Lecce e Taranto. Ribadiamo la nostra richiesta al governo regionale di dar vita ad un programma di offerta di alloggi pubblici per gli universitari che sia degno di questo nome onde evitare la lampante penalizzazione al diritto allo studio per la gran parte degli studenti fuori sede”.

A parlare, secondo il Sicet Cisl, sono i numeri: ad oggi, infatti, a Foggia ci sono meno di 160 residenze pubbliche, a Lecce 368 e a Taranto 30, a fronte di una popolazione di fuori sede pari a 1.200 per il capoluogo dauno, 1.200 per il capoluogo salentino e 100 per la città ionica. Il Segretario del Sicet Puglia insiste sulla necessità di individuare una politica regionale in grado di offrire agli studenti un ventaglio più ampio di possibilità di scelta “che permetta anche di non ricorrere alla pratica dell’affitto in nero troppo spesso preferita per risparmiare sugli alti costi dei canoni abitativi ‘privati’ e sottolinea che utilizzare gli affitti in nero costituisce una violazione delle norme di legge sui contratti di locazione punibile con sanzioni amministrative”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646