In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

A Napoli convegno del Sicet per rilanciare l'edilizia residenziale pubblica

"Quello della casa è un problema che continua ad aggravarsi se non si mette seriamente mano ad una politica abitativa. Purtroppo nel dibattito pubblico l’aumento dei nuovi poveri sta diventando un problema anche per le case popolari e in questi anni abbiamo assistito solo al palleggiamento delle responsabilità tre enti gestori e i comuni. E’ importante tutelare le famiglie con sfratto e sgombero”. E’ quanto è emerso oggi da un convegno del Sicet Napoli , il sindacato degli inquilini della Cisl guidato da Alfonso Amendola e al quale hanno partecipato i segretari generali della Cisl Campania e Napoli, Doriana Buonavita e Gianpiero Tipaldi, del Sicet nazionale Nino Falotico, il presidente dell’Acer David Lebro, il presidente Anci Campania Carlo Marino e l’assessore all’Urbanistica Bruno Discepolo .

“Ben venga il piano casa per la Campania presentato dalla giunta regionale. Una decisione importante che inverte la scelta della Regione del 2003, ma per la Cisl molto rimane ancora da fare. Tale scelta politica deve coinvolgere le istituzioni locali, le parti sociali e il sistema del credito per rilanciare l’Erp (edilizia residenziale pubblica), per attivare un piano di manutenzione straordinario a partire dall’abbattimento delle barriere architettoniche e mettere in sicurezza le città e le periferie e fungere da moltiplicatore per incentivare lo sviluppo, l’occupazione e il benessere sociale delle persone e delle comunità. La Regione ha lavorato bene nel portare avanti iniziative che garantiscano ai cittadini un tetto sotto cui stare e auspichiamo che il dialogo sia sempre più costruttivo e responsabile ricordando che il "diritto alla casa" è un diritto dell'intera collettività e che le persone non possano rimanere prive di una abitazione, un bene primario quale riflesso di una vita dignitosa. Come sindacato siamo convinti che nella negoziazione con le istituzioni ai diversi livelli oltre al lavoro, si debba porre al centro dell’attenzione anche i bisogni socio assistenziali in una visione di welfare integrativo con particolare attenzione al crescente bisogno abitativo”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646