In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Mutuo prima casa, si può rinegoziare in caso di insolvenza ma con dei limiti

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_markus-spiske-aHc3nQ6ITiU-unsplash.jpg

L’articolo 41 bis del cosiddetto decreto fiscale (convertito nella legge n. 157/2019) introduce una nuova disciplina in favore degli acquirenti di prima casa sottoposti a procedura esecutiva per insolvenza del mutuo ipotecario stipulato con la banca. La norma – spiega una circolare del Sicet Cisl – prevede la possibilità di ottenere la rinegoziazione del mutuo in corso con la stessa banca oppure un finanziamento con surroga nella garanzia ipotecaria a una banca terza che viene utilizzato per estinguere il credito vantato da quella procedente. A tal fine è anche possibile richiedere l’assistenza del fondo di garanzia per la prima casa in relazione al nuovo mutuo. Una scappatoia per molti ma non per tutti. Infatti, la misura – avverte il Sicet – è applicabile solo ai pignoramenti notificati tra il 1° gennaio 2010 e il 30 giugno 2019. Inoltre, mancando ancora il decreto attuativo, che dovrà essere emanato entro marzo, l’applicazione della norma è per il momento di fatto sospesa. Novità anche per i contratti di locazione a uso abitativo stipulati dal 1° gennaio 2020. L’articolo 3 quinquies della legge n. 58/2019 prevede che per il riconoscimento del credito d’imposta previsto in relazione ai canoni maturati e non riscossi è sufficiente l’intimazione di sfratto o l’ingiunzione di pagamento. Viceversa, per i contratti di locazione stipulati entro il 31 dicembre 2019 resta la regola per cui è necessaria la convalida dello sfratto per morosità o il decreto ingiuntivo non più impugnabile.

Photo by Markus Spiske on Unsplash

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.