In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Sfratti, Falotico: “Dati assoluti restano preoccupanti”

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_move-2481718_1920.jpg

"Il consuntivo sugli sfratti nel 2019 reso noto dal ministero dell'Interno, pur presentando dati in calo quasi ovunque, va preso con le molle e non deve indurre ad abbassare la guardia sull'emergenza casa". È quanto sostiene il segretario generale del Sicet Cisl Nino Falotico. "Se è vero che l'andamento delle sentenze di sfratto, delle richieste di esecuzione e delle esecuzioni giudiziarie risente degli effetti del ciclo economico - spiega il segretario del sindacato inquilini della Cisl - è chiaro che il 2019 può essere considerato un anno meno negativo di quelli precedenti poiché, a fronte di un generalizzato trend in ribasso, i numeri assoluti disegnano uno scenario che resta di forte sofferenza con oltre 48 mila nuove sentenze di sfratto emesse, in gran parte riconducibili a morosità degli inquilini, più di 100 mila richieste di esecuzione e quasi 26 mila sfratti eseguiti con l'intervento dell'ufficiale giudiziario".

Per il segretario del Sicet "il quadro resta quello di un'emergenza sociale che la pandemia e la recessione che ne è seguita hanno ovviamente aggravato. Le risorse stanziate dal governo per il sostegno agli affitti, anche se in crescita rispetto agli anni precedenti, sono ancora esigue, mentre permane il deficit strutturale di alloggi sociali che ci pone quale fanalino di coda tra i grandi paesi europei. Le privatizzazioni degli anni '90 hanno assottigliato la disponibilità di case popolari e il mercato regolato, in assenza di incentivi fiscali, non è riuscito a sopperire alla crescente domanda di alloggi a basso costo. Da qui l'urgenza di mettere in campo un nuovo piano casa che riallinei il nostro paese al resto dell'Europa dentro un contesto sociale in cui aumenta il ricorso all'affitto, specie delle giovani coppie con lavori precari nei grandi centri urbani".

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.