In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Sfratti, allarme dei sindacati inquilini: "Dal 1° luglio caos sfratti e procedure immobiliari"

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_sicet_manifestazione_sindacati_ROMA.jpg

Nuova presa di posizione dei sindacati inquilini Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini sullo sblocco degli sfratti. Alla imminente scadenza del blocco, dal 1° luglio, oggi si aggiunge la sentenza della Corte Costituzionale 128/2021 che - spiegano i sindacati in una nota - "interviene su un nervo già scoperto e che rende ancora più attuali le nostre proposte dei mesi scorsi nonché più incerta e gravosa la situazione di chi subisce lo sfratto per mancato pagamento di rate del mutuo. Insomma i nodi irrisolti e trascurati vengono al pettine e la pandemia con le varianti e con la campagna vaccinale nel pieno dello sforzo collettivo rischia di caratterizzarsi per la riapertura di migliaia di esecuzioni nelle nostre città".

Per Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini "le misure adottate fino ad oggi sono state deludenti e largamente inefficaci ed il passaggio da casa a casa diverrà un beffardo miraggio per migliaia di nuovi senza tetto. Anche il DL 73/2021 (c.d. Sostegni bis ), attualmente all’esame della Camera dei Deputati per la conversione in legge, non affronta questi aspetti cruciali della crisi sociale, economica e sanitaria in atto".

Le quattro sigle sindacali ricordano che giovedì 24 giugno, dalle ore 15, è programmato un presidio a Piazza Montecitorio "per riaffermare, per l’ennesima volta in questi drammatici mesi, le proposte che non siano palliativi ma soluzioni serie e concrete al disagio abitativo:

  • concrete garanzie del passaggio da casa a casa e adeguati contributi di sostegno economico;
  • stanziamento di ulteriori risorse al fondo di sostegno all’affitto e al fondo per la morosità incolpevole;
  • incentivi alla rinegoziazione dei canoni;
  • ristori ai proprietari che subiscono il ritardo nei canoni;
  • misure di graduazione delle esecuzioni degli sfratti, attraverso uno stanziamento adeguato e diretto ai Comuni, anche utilizzando a tal fine le risorse dei fondi di
  • sostegno all’affitto, per la morosità incolpevole ancora non ripartiti per il 2021 ed in parte anche per il 2020 oltre a quelli autonomi delle Regioni e dei Comuni;
  • una ricognizione di alloggi pubblici immediatamente disponibili;
  • accelerare le procedure lente e obbligate a criteri farraginosi e inattuali per erogare contributi agli aventi diritto;
  • avviare concretamente cabine di regia a livello delle Prefetture e dei Comuni per produrre protocolli efficaci con le forze sociali rappresentative di inquilinato e proprietà finalizzati a fornire soluzioni di accompagnamento sociale".

 

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.