In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Reddito di cittadinanza, Sicet: "Affrontare disagio abitativo per vera lotta a povertà"

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_falotico_sicet_1_2.jpg

“Il reddito di cittadinanza può alleggerire provvisoriamente le forme più estreme di povertà ma serve un meccanismo di perequazione sui costi legati alla casa, come affitti e utenze, e una decisa semplificazione dei requisiti e delle procedure”. Lo ha detto stamane il segretario generale del Sicet Cisl, Nino Falotico, commentando la bozza del decreto che introduce il reddito di cittadinanza. “La norma è particolarmente complessa - spiega il segretario del sindacato inquilini della Cisl - specie per quanto riguarda i requisiti di accesso. Certo, comprendiamo la necessità di stringere le maglie per far quadrare i conti del provvedimento, ma il percorso resta molto incerto e il rischio è che a pagare sul piano penale le conseguenze di tale incertezza siano i cittadini per meri errori formali od omissioni non intenzionali. Per questo stiamo allertando le sedi territoriali del Sicet affinché, di concerto con i centri di assistenza fiscale, assicurino alle famiglie richiedenti il necessario supporto”.

Altro aspetto critico per il segretario del Sicet è il fatto che “il sussidio non è parametrato alle soglie di povertà assoluta, assai differenti tra un piccolo comune del Mezzogiorno e un’area metropolitana del Nord. Ragion per cui - osserva Falotico - sarebbe auspicabile un sistema di perequazione agendo in particolare sui costi connessi alla casa, come affitti e utenze, che pesano molto nel paniere della spesa di una famiglia povera e variano significativamente tra Nord e Sud e tra piccoli e grandi centri urbani”.

Il segretario del Sicet rilancia infine la proposta del sindacato per un lotta strutturale alla povertà e al disagio abitativo: “Due terzi delle famiglie italiane a basso reddito - spiega Falotico - spende per l’affitto più del 25 per cento del proprio reddito, senza contare le utenze e le tasse. Questo significa che per affrontare in modo strutturale la povertà bisogna affrontare e risolvere il dilagante disagio abitativo con misure concrete come il potenziamento del fondo affitti e per la morosità incolpevole che va reso stabile e strutturale, il rilancio degli investimenti in edilizia residenziale pubblica e l’estensione della detrazione fiscale del 19 per cento anche ai contratti di locazione privata”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646