In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Rapporto Ispra, Falotico: "Serve cambio di paradigma nelle politiche infrastrutturali per ridurre il consumo di suolo"

b_400_267_16777215_00_images_excavators-1174428_1920.jpg

“Servono iniziative che preservino il suolo e l’ambiente attraverso la riqualificazione e la rigenerazione urbana”. Questo il commento del segretario generale del Sicet Cisl, Nino Falotico, al rapporto Ispra-Snpa sul consumo di suolo in Italia presentato nei giorni scorsi alla Camera dei deputati. “La situazione delineata nel rapporto è preoccupante – osserva Falotico – ma né l’opinione pubblica né la classe politica sembrano particolarmente appassionate alla questione. Il rapporto ci dice che nel solo 2017 abbiamo perso qualcosa come 52 kmq di suolo e che il trend è in ripresa sopratutto nelle regioni che hanno agganciato prima la ripresa economica, come il Nord-Est. Oltre a compromettere l’ecosistema e a sottrarre territorio alle attività agricole – prosegue il segretario del Sicet – la perdita costante di suolo significa maggiore esposizione delle popolazioni al rischio idrogeologico e un onere economico per la comunità che lo stesso rapporto stima in due miliardi di euro ogni anno”.

Per Falotico “è il modello di sviluppo basato sulla costruzione di nuove cubature e infrastrutture, spesso dalla dubbia utilità, a non essere più sostenibile. È appena il caso di ricordare che in Italia si stimano 7 milioni di case non abitate, cui vanno aggiunti oltre 20 mila alloggi pubblici che aspettano di essere ristrutturati e rimessi nel circuito dell'edilizia popolare. Il tema allora è mettere in campo politiche che incentivino la riqualificazione del patrimonio esistente, sia immobiliare che infrastrutturale, politiche che avrebbero come effetto a cascata la riduzione della domanda di nuovo suolo e il miglioramento della qualità della vita nella aree urbane oggi disagiate. Per questo ci stiamo attivando presso il ministero delle infrastrutture – conclude il segretario del Sicet Cisl – per un confronto a tutto campo nel quale presenteremo le nostre proposte per imprimere un radicale cambio di paradigma alle politiche infrastrutturali di questo paese”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646