In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

PNRR, per il Sicet Cisl sulle politiche per la casa ci sono luci e ombre

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_falotico-sicet-9feb19.jpg

Secondo il Sicet Cisl quello presentato in parlamento dal presidente del Consiglio Draghi "è un PNRR fatto di luci e ombre per quanto riguarda le politiche per la casa". "Rispetto alla bozza del precedente governo - spiega il segretario Nino Falotico - mancano all'appello oltre 6 milioni per la riqualificazione energetica degli edifici, ovvero il superbonus 110%, 2 milioni dei quali erano vincolati agli interventi di risparmio energetico negli alloggi di edilizia residenziale pubblica. Una sforbiciata che è solo in parte compensata dai 2,9 milioni previsti per i programmi di rigenerazione urbana nelle città metropolitane. Avremmo preferito maggiore coraggio da parte del governo proprio sulla sostenibilità ambientale che rappresenta un pilastro del programma Next Generation EU. In attesa di capire quante risorse saranno recuperate per la proroga del superbonus nella prossima legge di bilancio - continua il segretario del sindacato inquilini della Cisl - faremo presente al prossimo incontro con il governo, in programma al ministero delle Infrastrutture mercoledì 28 aprile, che sulle politiche dell'abitare serve più coraggio, sia sul capitolo della riqualificazione energetica del patrimonio abitativo pubblico, sia sul potenziamento dell'offerta abitativa a canone sociale in considerazione del fatto che il mercato non riesce a soddisfare la domanda di case, specie dei ceti meno abbienti. Da questo punto di vista sarà importante - continua Falotico - individuare un percorso condiviso con le associazioni dei proprietari per scongiurare una crisi sociale nel malaugurato caso di sblocco repentino degli sfratti tra due mesi, anche perché il rischio è che i prossimi saranno mesi di grande sofferenza per i ceti sociali più fragili senza adeguate misure di sostegno", conclude il segretario del Sicet.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.