In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Il Parlamento europeo promuove il diritto ad un alloggio adeguato a prezzi sostenibili

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_europarl.jpg

Oggi il Parlamento europeo ha approvato con 352 sì, 179 no e 152 astensioni una risoluzione che impegna i paesi membri a garantire l’accesso ad un alloggio dignitoso e a prezzi accessibili e a prevenire il fenomeno dei senzatetto. Marie Linder, presidente dell'Unione internazionale degli inquilini (IUT), nonché dell'Unione svedese degli inquilini, ha accolto con favore il voto in quanto inverte la tendenza della politica europea sulle questioni abitative. "Il Parlamento europeo è ora all'avanguardia nella realizzazione dei profondi e attesi cambiamenti del mercato immobiliare”, è il commento della presidente dello IUT che aggiunge: “Mentre i governi nazionali credono ancora che il mercato risolverà tutti i problemi abitativi, il Parlamento europeo alza la red card, ferma la speculazione e supera le barriere agli investimenti per l’housing sociale. L'edilizia abitativa è la voce di spesa più alta per i cittadini europei. Il 38% delle famiglie a rischio di povertà spende più del 40% del reddito disponibile per l'alloggio mentre si stima che nell’Europa post pandemia 156 milioni di persone saranno a rischio di povertà”.

“Raggiungere un alloggio adeguato, efficiente dal punto di vista energetico e sano - continua la presidente dello IUT - è un obiettivo comune dell'UE e degli Stati membri. Il momento non potrebbe essere migliore: la ripresa dopo la pandemia dovrà concentrarsi su soluzioni abitative ecologiche e a prezzi accessibili. La presidenza portoghese dell'UE ha l'opportunità unica, insieme a tutti gli Stati membri e alla Commissione europea, di fare dell'edilizia abitativa a prezzi accessibili una delle pietre miliari del piano d'azione del vertice europeo del pilastro dei diritti sociali che si terrà nel maggio 2021. Inoltre, ci aspettiamo una panoramica dei risultati tangibili basati su questa relazione del Parlamento europeo alla riunione ministeriale dell'UE sull'edilizia abitativa dell'ottobre 2021".

Per il segretario generale del Sicet Cisl Nino Falotico "la votazione del Parlamento europeo dà un impulso alla nostra iniziativa per il rilancio dell’edilizia pubblica a canone sociale e apre la porta ad un sostanziale co-finanziamento da parte dell'UE di iniziative nazionali di ristrutturazione ecologica e di alloggi a prezzi accessibili chiedendo che le soluzioni abitative a prezzi accessibili siano legalmente e finanziariamente incorporate nei programmi nazionali di riforma degli Stati membri dell'UE. È tempo che tutti i governi, a cominciare da quello italiano, cooperino con programmi finanziari solidi a lungo termine per risolvere uno dei problemi peggiori e fondamentali che stiamo affrontando in tutto il mondo: la mancanza di alloggi a prezzi accessibili e adeguati”.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.