In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Delega fiscale, Esposito: “Sbagliato blindare la cedolare secca anche sugli affitti di mercato”

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_FabrizioEspositoRM240522.jpg

“Per quanto ci riguarda la delega fiscale ha senso se sostiene salari e pensioni taglieggiati dal caro vita e se rivede la fiscalità sui canoni di locazione, oggi troppo sbilanciata sul mercato libero. La scelta di blindare la cedolare secca del 21% sui canoni di mercato non può vederci d’accordo”. Lo ha detto stamane il segretario generale del Sicet Cisl, Fabrizio Esposito, a margine del congresso nazionale della Cisl commentando l’accordo raggiunto dalla maggioranza di governo sulla delega fiscale. “A conti fatti - ha spiegato Esposito - la scelta di applicare la cedolare secca alle locazioni abitative di libero mercato, oltre a contrastare con il principio della progressività, ha prodotto un saldo sostanzialmente zero per l’erario poiché il maggior gettito generato dall’emersione di nuova base imponibile è stato riassorbito dai risparmi fiscali ottenuti dai contribuenti, in particolare dalla popolazione più ricca che naturalmente ha usufruito del più ampio margine esistente fra la flat tax e le aliquote Irpef più elevate. Per evitare che la cedolare secca si risolva in un mero regime agevolativo della proprietà immobiliare - ha aggiunto il segretario del sindacato inquilini della Cisl - è necessario quanto meno eliminare la tassa piatta in relazione ai contratti di locazione di libero mercato. Quella sui contratti concordati al 10% andrebbe invece valorizzata per favorire una nuova tornata contrattuale volta a definire canoni realmente sostenibili per le famiglie che stentano a sostenere i canoni di mercato, specie in questa fase di forte inflazione”, ha concluso Esposito. 

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.