In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Coronavirus, Cisl e Sicet: "Stop esecuzione sfratti nelle zone a rischio contagio"

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_stop_sfratti_COVID19.png

L'emergenza Coronavirus finisce per aggravare anche problemi atavici come quello degli sfratti. In Lombardia e Veneto, le regioni più colpite, in base agli ultimi dati diffusi dal ministero dell'Interno, pendono oltre 40 mila richieste di esecuzione. Per questo il segretario nazionale della Cisl, Giulio Romani, e il segretario generale del Sicet Cisl, Nino Falotico, con una nota indirizzata al presidente del Consiglio e ai ministri della Salute, dell'Interno, della Giustizia e delle Infrastrutture, sollecitano la sospensione temporanea delle esecuzioni immobiliari relative alle abitazioni occupate dai residenti nelle zone a rischio Coronavirus. "L’esecuzione degli sfratti o il rilascio delle prime case di abitazione pignorate per insolvenza del proprietario - spiegano nella nota Romani e Falotico - potrebbe riguardare anche persone che sono già positive al contagio o comunque renderebbe tali soggetti particolarmente esposti a contrarre il virus".

"A questi motivi di carattere sanitario per evitare il più possibile un’ulteriore diffusione dell’epidemia - continuano - si sovrappone poi l’opportunità di facilitare il compito dei servizi sociali comunali e, più in generale, delle strutture di assistenza, pubbliche e private, che ordinariamente intervengono per la tutela del nucleo familiare sfrattato, soprattutto in presenza di minori, anziani o condizioni di fragilità sociale ed economica. È chiaro infatti che l’emergenza sanitaria in corso ostacola anche l’ordinario svolgimento delle funzioni di assistenza sociale. Infine, va anche considerato che la sospensione temporanea degli sfratti nelle zone a rischio consentirebbe l’impiego della forza pubblica solitamente utilizzata nelle esecuzioni per un migliore controllo dell’emergenza sanitaria in corso", concludono Romani e Falotico.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646