In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Casa, sindacati inquilini: rischio 150 mila sfratti nel 2022, intervenire prima ultimo blocco a fine anno

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_WhatsApp_Image_2021-06-24_at_17.29.49.jpeg

Oggi a Roma si è tenuta la conferenza unitaria dei sindacati della casa nazionali per accendere i riflettori sulle politiche abitative. Sunia, Sicet, Uniat e Unione Inquilini hanno presentato i dati sulla precarietà abitativa per lanciare un appello al Governo e cercare interlocuzione finalizzata ad una pianificazione degli interventi più urgenti da attuare in vista della scadenza dell'ultimo blocco degli sfratti previsto per il 31 dicembre. Sono circa 70 mila gli sfratti pendenti dal 2019 (differenza tra richieste di esecuzione ed eseguiti con forza pubblica), 32 mila nel 2020 e altri 40-50 mila stimabili nel 2021. Totale 130-150 mila sfratti eseguibili nel 2022. Cifre da capogiro se consideriamo la ripresa dei licenziamenti e la mancanza di stanziamenti per arginare la morosità incolpevole.

A fronte della marea di sfratti che rischia di travolgere migliaia di famiglie nella prossima legge di bilancio, al momento, non è previsto infatti alcun stanziamento per il contributo all'affitto e per la morosità incolpevole a partire dal 2023, nel PNRR manca l'indicazione politica per l'incremento di alloggi popolari, gli unici che potrebbero rispondere alle esigenze delle famiglie ormai ridotte allo stremo e impossibilitate a reperire un alloggio sul libero mercato. Il dramma della sofferenza abitativa in Italia è reale e non puoò essere lasciata a una sorta di conflitto tra inquilini e proprietari. Latitano le istituzioni, a cominciare dallo Stato e dalle Regioni, che hanno prima di chiunque altro il compito di realizzare una politica sociale della casa. Gli interventi che i sindacati inquilini hanno oggi illustrato disegnano con precisione i passi necessari affinché quei nodi vengano finalmente affrontati con misure strutturali.

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.