In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

Casa, Sicet alla manifestazione nazionale di Cgil Cisl Uil

b_400_267_16777215_00_images_immagini-articoli_falotico-sicet-23gen19.jpg

Il Sicet si prepara alla manifestazione nazionale indetta da Cgil Cisl Uil per sabato 9 febbraio a Roma, dove è attesa una nutrita delegazione del sindacato inquilini della Cisl con in testa il segretario generale Nino Falotico che torna ad attaccare la politica economica del governo. "L'emergenza abitativa - denuncia Falotico - è stata completamente cancellata dall'agenda politica di questo governo nonostante in Italia secondo il Censis ci siano più 100 sfratti al giorno e 650 mila famiglie in lista di attesa per un alloggio popolare. Ora il presidente del consiglio annuncia che il 2019 sarà bellissimo, ma noi crediamo che non lo sarà sicuramente per gli inquilini e rischia di non esserlo per nessuno vista la gelata dell'economia italiana", avverte il segretario del Sicet. 

"Abbiamo chiesto al governo - spiega Falotico - di istituire un tavolo permanente sul welfare abitativo e di aprire il confronto su un pacchetto di proposte concrete su cui costruire un'ampia convergenza sociale. La risposta del governo è stata una legge di bilancio che fa finta di non vedere il crescente disagio abitativo. Anche il reddito di cittadinanza - osserva il segretario del Sicet - affronta solo in parte il problema e non riguarda le famiglie monoreddito che arrivano a consumare oltre la metà delle entrate familiari per pagare l'affitto". 

Per il segretario del sindacato inquilini della Cisl "va chiusa la forbice tra domanda e offerta di abitazioni sociali. Oggi in Italia abbiamo meno di 1 milione di alloggi popolari contro i 5 milioni della Francia. Così il sistema non può reggere. Per questo servono misure di breve periodo per tamponare l'emergenza, come il rifinanziamento del fondo affitti e sgravi fiscali per gli inquilini e non solo per i proprietari, ma servono anche misure strutturali per incrementare l'offerta pubblica di alloggi e recuperare il terreno perso rispetto ad altri paesi europei, innanzitutto aumentando gli investimenti per la costruzione di nuovi alloggi e accelerando la ristrutturazione degli alloggi già esistenti e inutilizzati".

Allegati:
Scarica questo file (Volantino A4 fronte retro.pdf)Volantino A4 fronte retro.pdf[Il volantino della manifestazione]3704 kB

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via G.M. Crescimbeni 25 - 00184 Roma
Telefoni 064958701 - 064958736
Fax 064958646