In base alla normativa in materia di privacy applicabile, Sicet titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sitoinforma l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa

ISTITUTO SAN PAOLO DI TORINO

ACCORDO AGGIUNTIVO-INTEGRATIVO TRA LA CONFEDILIZIA SICET, SUNIA, UNIAT, UNIONE INQUILINI, FEDERCASA

-Legge 9 dicembre 1998 n. 431, art. 2 comma 3 e DM 5 marzo 1999, art. 1, comma 5-

Fra:

- la Cassa di Previdenza Integrativa per il Personale dell'Istituto Bancario San Paolo di Torino

la Confedilizia, in persona dell'Arch. Paolo Pietrolucci, anche nella qualità di sub-delegatario delle APE-Confedilizia dei Comuni interessati,

e

le Organizzazioni Sindacali dei Conduttori

- Sunia, in persona del Segretario nazionale Daniele Barbieri;

- Sicet, in persona del Segretario generale Arch. Ferruccio Rossini;

- Uniat, in persona del Presidente Roberto Scorpioni,

- Unione Inquilini, in persona del Segretario nazionale Massimo Pasquini,

- Ferdercasa, in persona del Segretario generale Gianluigi Pascoletti,

che si dichiarano delegati dalle rispettive associazioni territoriali interessate (Torino, Napoli, Firenze, Bari, Bologna, Milano, Genova, Roma) per quanto richiesto a nonna di legge,

• premesso che per i Comuni predetti le Organizzazioni Sindacali stipulanti il presente Accordo aggiuntivo-integrativo sono firmatarie degli Accordi territoriali ex art. 2, comma 3 della Legge 431/1998 per gli stessi Comuni, e depositati ai sensi di legge;

• premesso che la precitata norma stabilisce che le Organizzazioni della proprietà edilizia e dei conduttori provvedono alla definizione di "contratti tipo";

• ritenuta la necessità, al fine di favorire la stipula di contratti agevolati, di provvedere, per tutti i Comuni sopra indicati e relativamente alle proprietà immobiliari di Torino, Napoli, Firenze, Bari, Bologna, Milano, Genova, Roma,all'adozione di un unico contratto tipo, contenente - specificatamente - criteri per il calcolo delle superfìci degli immobili e la ripartizione degli oneri accessori;

• premesso altresì che gli Accordi integrativi di cui all'ari. 1 del D.M. 5 marzo 1999 possono recare solo disposizioni riguardanti i canoni, da definirsi - comunque - all'intemo dei valori minimi e massimi stabiliti dagli Accordi territoriali, e dovendo in ogni caso rimanere ferme le aree omogenee come negli stessi individuate, nonché ogni previsione degli stessi Accordi o di Accordi aggiuntivi non afferente il canone, ferma altresì ogni disposizione degli Accordi territoriali principali o aggiuntivi relativa alla quantificazione di quest'ultimo,

si conviene e stipula

1. il presente Accordo aggiuntivo-integrativo - a valere per i Comuni come sopra indicati - ex citato D.M. 5.3.1999, contenente i criteri uniformi di cui alla premessa;

2. i canoni riguardanti gli immobili di proprieta' della Cassa di Previdenza Integrativa per il Personale dell' Istituto Bancario San Paolo di Torino sono di seguito cosi' stabiliti


I valori della tabella sono disponibili presso le sedi Sicet

Tabella canoni:                                                                                                           £\mq\mese                                euro\mq\mese

-TORINO - via Susa 58    
  - via Montevecchio 16    
  - via Massena 30    
  - corso Telesio 15    
  -via N. Bianchi 70    
  - corso Unione Sovietica 379\ 381    
  - via Ventimiglia 174\176    
  - corso Belgio 71    
  - via Vandalico, via Don Rua, via Adenello    
       
-ROMA - Filippini 23    
  - via Pezze' Pascolato 32    
  - via Misurina 69    
  - via Millevoi 763    
       
-NAPOLI - via Caravaggio 119    
       
-FIRENZE - via Maccari 3    
  -via Modiglioni 186    
       
-BARI - via delle Forze Armate 20\24    
       
-BOLOGNA - via Marco Polo 14\2    
       
-MILANO - via Cottolengo 5    
  - via Ripamonti 215    
  - via Zuara 3    
       
-GENOVA - via Baden Rowell 12    

3. al fine di favorirne una razionale gestione amministrativa, si conviene di adottare -per tutti i Comuni sopra indicati- un unico contratto tipo, che dovrà essere utilizzato per la stipula dei contratti agevolati -di cui all'art. 2, comma 3, Legge 431/1998; viene assunto, come contratto tipo -ed è parte integrante del presente Accordo- il contratto definito dal DM 5\3\99, con la precisazione che " è concesso il diritto di prelazione all'inquilino in caso di vendita w;

4. la durata del contratto è determinata in anni 6+2;

5. in caso di aumento del canone superiore al 50%, l'adeguamento al canone concordato verrà scaglionato come segue: il primo anno fino al 50%, l'anno successivo la parte residua;

6. detto differimento sarà applicato ai contratti scaduti, alla data di sottoscrizione dell'Accordo, in misura proporzionale;

7. sono confermati gli eventuali conguagli a credito, a favore degli inquilini che hanno già sottoscritto i rinnovi contrattuali;

8. le superfici degli immobili interessati, e le relative pertinenze, verranno calcolate secondo la normativa della ex legge 392/1978; verranno altresì utilizzati i coefficienti di conversione, cosi come definiti a livello nazionale dalle stesse organizzazioni qui firmatarie, per mantenere inalterato il rapporto dei valori mimmi/massimi stabiliti dagli accordi territoriali, ove in questi siano stati scelti criteri di calcolo diversi (vani, superficie catastale, ecc. - Milano, Bologna, Grosseto e quant'altri Comuni che avessero scelto criteri diversi dalla ex legge 392/1978);

9. la ripartizione degli oneri accessori verrà regolata dall'Accordo sottoscritto in merito dalla Confedilizia con Sunia/Sicet/Uniat in data 26.2.1999 n. prot. C\07288;

10. l'Istituto, nei casi di rinnovi contrattuali, esaminerà, a suo insindacabile giudizio, le richieste di tutela sociale dei conduttori che ne facciano richiesta e siano in conclamate condizioni familiari di disagio sociale (reddito non superiore a due pensioni minime INPS)

11. il presente Accordo, stante la legge, verrà depositato e protocollato presso i Comuni di cui all'elenco in premessa, dopo essere stato debitamente sottoscritto, direttamente o per delega, dai rappresentanti delle Organizzazioni sindacali locali dei Comuni interessati.

Roma, 24 giugno 2002

-Cassa P.P. Ist. San Paolo di Torino

-Confedilizia

Allegati:
Scarica questo file (contratto_sanpaolo.pdf)contratto_sanpaolo.pdf[ ]98 kB

SICET NAZIONALE

Sindacato Inquilini Casa e Territorio
Via Napoleone III n. 6 - 00185 Roma
Telefoni 064958701
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
pec: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.